Green Pass: chi ha diritto all'esenzione dal vaccino e falsi miti da sfatare
Scuola

Green pass scuola e trasporti: obbligo per docenti e personale, liberi gli studenti

Il Governo accelera sulle decisioni che riguardano il rientro a scuola in sicurezza e si va verso il Green Pass per trasporti, docenti e personale Ata. Insomma tutto il personale della scuola, per poter accedere agli istituti e svolgere il suo lavoro, dovrà esibire il certificato di avvenuta vaccinazione. L’accelerazione dovrebbe portare a una firma del decreto Covid che riguarda la scuola già da giovedì, in modo da uniformare queste direttive a quelle che scattano dal 6 agosto per ristoranti e luoghi di intrattenimento.Green pass scuola e trasporti: obbligo per docenti e personale, liberi gli studenti

Niente Green Pass per gli studenti

Al momento non si parla di Green pass per gli studenti, che dovrebbero essere lasciati liberi di scegliere. Il Governo punta ancora forte su una massiccia vaccinazione degli stessi per gli effetti indiretti dei green pass legati ai luoghi pubblici. Potrebbe bastare a raggiungere quel 60% di vaccinati che il Cts ha indicato come numero sufficiente per mettere in sicurezza la scuola lato alunni.

Insomma il ritorno a scuola in presenza e soprattutto in sicurezza resta la priorità. Il Green pass, di fatto, eviterebbe l’introduzione dell’obbligo vaccinale. Ma la sostanza non cambia. Con l’introduzione del Green Pass, l’obbligo vaccinale per docenti e Ata, si trasformerebbe solo in una raccomandazione. Si parte dal presupposto che il personale scolastico risulta vaccinato per l’85% minimo, considerato che molti insegnanti potrebbero essere vaccinati per classe anagrafica e non in quanto appartenenti al corpo docente, non risultando quindi ‘schedati’.

Leggi anche: Obbligo vaccinale docenti e studenti: il vaccino potrebbe non bastare

Leggi anche: Obbligo vaccinale docenti: gli studenti dicono sì, per Salvini è solo terrore

Nodo trasporti

Ci sono ancora alcuni dettagli da limare, perchè non tutte le forze politiche sono concordi nel firmare questo decreto. Soprattutto per quel che concerne i trasporti: il green pass non sarà valida per gli autobus e la metropolitana. Entrerà invece in vigore dal 1° settembre per navi, treni e aerei. Cosa che di fatto lascia scoperto il mondo della scuola.

Mascherine in classe

La didattica a distanza, in questo modo, dovrebbe essere una extrema ratio limitata alle zone rosse e arancioni, qualora ce ne fossero, con la speranza che non sia necessario istituirle in alcuna parte del Paese. Quanto al distanziamento e all’uso delle mascherine in classe, in caso di vaccinazione in linea con le direttive del Governo, dovrebbero essere necessarie unicamente in quelle classi in cui il sovraffollamento impedisce una distribuzione sufficiente degli spazi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *