Istanza informatizzazione nomine supplenze: Istanze online non funziona oggi
Ata

Immissioni in ruolo Ata: servono altre 15mila assunzioni

Non c’è ancora alcuna comunicazione ufficiale per quel che riguarda la scelta delle sedi riservata alle Immissioni in ruolo Ata. Una procedura che inizialmente era stata fissata per l’ultima settimana di luglio, salvo poi un dietrofront da parte del ministero che però non si è ancora evoluto in una comunicazione sostitutiva.

L’ultimo aggiornamento risale a un incontro tenutosi alla presenza di Ministero dell’Istruzione e Sindacati. Si è discusso di alcuni temi importanti, come lo Schema di decreto del Ministro dell’Istruzione recante Procedura assunzionale dei Direttori dei servizi generali e amministrativi per chiamata veloce. Ma le parti non si sono potute esimere dall’affrontare anche temi di più stretta attualità, come le procedure di immissione in ruolo del personale ATA.Immissioni in ruolo Ata: servono altre 15mila assunzioni

I tempi stringono

Un tema particolarmente caldo, all’indomani del completamento delle procedure relative alle graduatorie prima provvisorie e poi definitive per il Personale Ata. Procedura ancora in via di definizione. E considerato l’arrivo di agosto, e il virtuale conto alla rovescia verso l’inizio della scuola, le parti non possono certamente permettersi ulteriori perdite di tempo.

Anche perchè c’è da affrontare il tema dei ricorsi sugli errori materiali, parzialmente riversato sulle decisioni dei singoli uffici scolastici, che potrebbero rappresentare una miniera di appelli in tribunale con conseguenti slittamenti nel completamento delle procedure.

Leggi anche: Immissioni in ruolo Ata: date e scadenze per presentare le domande

Leggi anche: Graduatorie terza fascia Ata: pubblicazione definitive, ma manca ancora qualche provvisoria

Servono altre 15mila assunzioni

Nel corso dell’incontro sono state ratificate le ulteriori 12.000 assunzioni per il Personale Ata. Numero che non ha soddisfatto i sindacati, che li ritengono sufficienti unicamente a coprire i pensionamenti. Numeri lontani dai necessari 27mila posti richiesti. Servono dunque ancora altre 15mila assunzioni.

Al momento, per quel che riguarda la scelta delle sedi, l’unica certezza è che su Istanze online la possibilità per la procedura telematica non è stata ancora attivata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *