Bidello psicologicamente fragile abusava di minori: incubo a Brescia
Notizie dal mondo

Bidello psicologicamente fragile abusava di minori: incubo a Brescia

Un bidello di 56 anni è accusato di atti sessuali con minori, corruzione di minorenni e tentata prostituzione minorile. L’uomo, che al momento si trova agli arresti domiciliari, abita in un piccolo centro vicino Brescia. Le indagini hanno portato alla luce un inquietante contesto: l’uomo riusciva ad adescare ragazzini di nemmeno 14 anni che frequentavano la scuola media statale.

Le vittime, avrebbero confermato agli inquirenti di essere stati vittime di abusi, nel corso di interrogatori protetti. In alcune circostanze, secondo alcuni racconti, l’uomo avrebbe anche portato i minori nel suo appartamento, per poi perpetrare le violenze.Bidello psicologicamente fragile abusava di minori: incubo a Brescia

Soggetto psicologicamente fragile

L’uomo si trova in custodia cautelare ai domiciliari in attesa dell’interrogatorio di garanzia, dopo essere stato arrestato a Travagliato. Secondo le prime fonti, viveva in casa con l’anziana madre. Erano anni che svolgeva lavoro come bidello all’Istituto comprensivo del paese. Pare avesse problemi cognitivi. Una circostanza che lancerebbe ombre sulla scelta di affidare un compito del genere a una persona fragile psicologicamente: «Spiace che persone fragili psicologicamente vengano inserite nel mondo della scuola, bisognerebbe fare più attenzione» spiega il sindaco del paese Renato Pasinetti. «Se le accuse saranno confermate, dispiace per i bambini che sono ancora più fragili. Staremo vicini come amministrazione a queste famiglie» ha aggiunto il primo cittadino di Travagliato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *