Obbligo vaccinale docenti: decisione questa settimana
Scuola

Obbligo vaccinale docenti: decisione questa settimana

L’obbligo vaccinale per i docenti e per il personale del mondo della scuola difficilmente verrà approvata a livello governativo. Serve però una campagna di persuasione importante, che dovrà durare di qui ai prossimi due mesi circa, quando starà per riaprire la scuola italiana.Obbligo vaccinale docenti: decisione questa settimana

Riaprire in presenza ma in sicurezza

Che dovrà riaprire necessariamente in presenza, come sollecitato dal Cts e dai dato che hanno evidenziato le Prove Invalsi. Il tema è delicato. Nonostante manchi una percentuale relativamente bassa di vaccinati nel mondo della scuola, si tratta comunque di una percentuale che va coperta per raggiungere praticamente il 100%. solo in questo modo la scuola italiana potrà riaprire in presenza, in sicurezza, e senza il rischio di chiusure successive.

Obbligo vaccinale, decisione difficile

La variante Delta incombe, e sta già facendo sentire la sua presenza in estate e con le scuole chiuse. Cosa succederà quando arriverà l’autunno e le scuole riapriranno? L’unica modo è provvedere per tempo. Mettere in scurezza i mezzi pubblici e fornire dispositivi di protezione individuali adeguati è fondamentale. Ma ancora più fondamentale sarà avere una copertura vaccinale pressochè totale.

La risposta per il momento è stata buona, ma non ottima. Siamo all’84% per quanto riguarda gli insegnanti ai quali è stata somministrata la prima dose, e al 75% per la seconda. Come raggiungere questa fascia di scettici nei confronti del vaccino, sarà compito del Governo. Che non vuole arrivare all’obbligo vaccinale, ma che deve raggiungere il risultato in tempi brevi. Il Ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi: “Noi ci troveremo questa settimana col Consiglio dei ministri e la decisione sull’obbligo vaccinale o meno per gli insegnanti andrà presa dall’intero collegio“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *