Assunzioni scuola 2021/22: docenti e Ata, ecco il piano del Governo
Scuola

Decreto sostegni bis: attesa per il concorso straordinario, prima torna in Commissione Bilancio

Un contrattempo di cui non si sentiva il bisogno in merito al decreto legge Sostegni bis. Serviranno ulteriori verifiche che costringeranno il decreto legge a tornare in commissione Bilancio alla Camera. La richiesta è stata del relatore del provvedimento, Giuseppe Buompane (Movimento 5 Stelle) secondo il quale è necessario procedere a una serie di accertamenti necessari.Decreto sostegni bis: attesa per il concorso straordinario, prima torna in Commissione Bilancio

Ulteriori verifiche

Dunque per il Decreto Sostegni Bis sarà necessario tornare in commissione Bilancio, in seguito a una nota della Ragioneria che ritiene necessarie alcune correzioni. E’ stata necessaria la discussione generale in Aula per convincere il deputato del Movimento Giuseppe Buompane, relatore del provvedimento, della necessità di ulteriori verifiche. Non si tratta di un decreto semplice, per cui nulla deve essere lasciato al caso. E ci sono tutte le motivazioni per prendersi qualche ora in più di tempo per verificare nel dettaglio ogni aspetto: “C’è una nota della Ragioneria per alcune correzioni in ordine ad alcune coperture”, ha spiegato Buompane alla Camera.

Coinvolta anche la scuola

Ora il passo successivo potrebbe essere quello di porre sul Decreto Legge Sostegni bis alla Camera la richiesta di fiducia. In questo momento il decreto è in prima lettura a Montecitorio. La fase successiva sarà costituita dall’esame del Senato. I tempi stringono perchè ci sono circa dieci giorni di tempo per convertire in legge il decreto. La scadenza è fissata per il prossimo 24 luglio.

Ricordiamo che la scuola si gioca una partita importante nel contesto delle misure contenute nel decreto. Tra gli emendamenti approvati, anche quello che regolamenta il bando relativo al nuovo concorso straordinario che il Miur vorrebbe organizzare entro fine anno, riservato agli insegnanti con almeno 3 annualità di servizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *