Concorso Stem 2021: meglio supplenti che docenti riflessivi
Scuola

Concorso docenti Stem 2021: scoppia la polemica, i bocciati non ci stanno

Si parlerà ancora a lungo e lascerà diversi strascichi il concorso, ormai avviato per docenti discipline STEM. Si sono già tenute le prove per la classe A026 (Matematica) e quelle per la classe A041 (Scienze e tecnologie informatiche). Tutto come previsto, se non fosse per un vero e proprio boom di bocciati che nessuno si aspettava. Il motivo? Secondo le testimonianze di chi ha partecipato all’esame, i quesiti si sono rivelati molto più difficili del previsto.Concorso docenti Stem 2021: scoppia la polemica, i bocciati non ci stanno

Numero di bocciati molto alto

In particolare, chi ha preso parte alla selezione ha raccontato di aver trovato particolari difficoltà per quanto riguarda la classe di matematica. Ma in generale, il boom di bocciati secondo le testimonianze sarebbe dovuto a una difficoltà generale delle domande. E il fatto che l’alto numero di bocciati sia equamente diviso in tutta la Penisola, sembra essere la conferma che si tratta di difficoltà oggettive.

Poco tempo e aspettative disattese

In generale, oltre alla difficoltà dei quesiti si riscontra un tempo limitato per completare la prova. La media per quesito sarebbe stata di due minuti, secondo molti candidati assolutamente insufficiente in proporzione alla complessità degli stessi.

A deludere, anzi a far arrabbiare molti candidati, il fatto che secondo molte testimonianze, quello che era stato scritto nel bando in merito alla durata della prova e a cosa prevedesse la prova e, ancora, agli strumenti utilizzabili durante la prova, è stato completamente disatteso.

Insomma un concorso che ha deluso molti candidati, convinti si potesse trattare di una buona opportunità, per poi rendersi conto che si trattava di una prova molto più complessa del previsto. L’alto numero di bocciati sicuramente fa riflettere, e certamente nelle prossime settimane si protrarranno strascichi polemici da parte di chi ne ha preso parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *