Scuola

Tfa sostegno 2021: bando: chi può partecipare

Coloro i quali dispongono unicamente della laurea triennale e dei 24 CFU, non hanno titoli sufficienti per prendere parte al percorso di specializzazione relativo al TFA sostegno VI ciclo scuola secondaria di primo e secondo grado. Si tratta di una questione che riguarda moltissimi aspiranti insegnanti, che ambiscono a conquistare uno dei posti disponibili per il prossimo ciclo di TFA.

TFA sostegno VI ciclo, caccia aperta ai posti disponibili

I posti messi a disposizione dal ministero per il prossimo ciclo di TFA sostegno sono in tutto 22mila. Ma si tratta di posti che vanno comunque ripartiti tra i vari gradi di istruzione. Si arriva a questo totale sommando i 15.809 posti richiesti dal MI, già autorizzati e i 6191 che vengono fuori da quelli autorizzati per il triennio 2018-2020.

Questi posti però, come anticipato e confermato dal ministero, non sono a disposizione di coloro i quali possono esibire laurea triennale e 24 CFU.

Quali sono i requisiti richiesti

I requisiti richiesti ai docenti di scuola secondaria di primo e secondo grado sono altri, e nello specifico, uno dei seguenti:

abilitazione specifica sulla classe di concorso ovvero analoghi titoli di abilitazione conseguiti all’estero e riconosciuti in Italia ai sensi della normativa vigente; oppure
laurea magistrale o a ciclo unico (oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso) più 24 CFU/CFA (acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra curricolare nelle discipline antro-po-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, garantendo comunque il possesso di almeno sei crediti in ciascuno di almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione; psicologia; antropologia; metodologie e tecnologie didattiche).

Un equivoco che sta ingenerando molta confusione e il cui responso negativo inevitabilmente non farà altro che aumentare la frustrazione di coloro i quali ritenevano di avere i requisiti per poter ambire a uno dei posti a disposizione, e che invece dovranno confrontarsi con la dura realtà che evidenzia come il loro profilo, al momento non risulta idoneo alla selezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *