Anziana vuole una patente falsa: la attirano nel loro covo e la torturano per ore

Quattro uomini sono sotto processo per aver torturato e ucciso una pensionata di 75 anni dopo che l’anziana si è presentata da loro per acquistare una patente di guida illegale.

Il processo è iniziato mercoledì alla corte distrettuale di Osnabruck, una città nello stato tedesco occidentale della Bassa Sassonia.

I turchi tedeschi Ramazan B., 43, Kahraman P., 35 e Mert N., 24 anni, oltre al venticinquenne Enoma E., di 25 anni, sono accusati di rapina ed estorsione.

Nel frattempo, Ramazan B., Mert N. ed Enoma E. stanno anche affrontando accuse di omicidio.

La vedova Ursula U., 75 anni, che viveva nella città di Melle vicino alla città di Osnabruck, contattò la banda perché voleva comprare una patente falsa dopo aver guidato per 26 anni senza averla.

Ha contattato Ramazan B. attraverso un conoscente e ha pagato 4.800 EUR (4.310 GBP) per il documento falso, secondo i media locali.

Il 14 dicembre dell’anno scorso, si è recata nella città di Colonia per ritirare la patente da una residenza privata, ma sarebbe stata tenuta prigioniera dalla banda che ha chiesto più soldi.

Dopo aver prelevato contanti dalla sua borsetta, Kahraman P. ha lasciato l’appartamento, secondo l’accusa, e gli altri tre membri della banda hanno torturato la vittima per molte ore.

I rapporti dicono che la banda aveva affittato l’appartamento soprattutto per i loro crimini.

I risultati dell’autopsia hanno mostrato che la pensionato ha subito una frattura dell’osso ioide, costole rotte multiple, diverse ferite alla testa e un trauma laringeo.

Ramazan B., secondo quanto riferito, ha dato alla vittima due pillole di ecstasy, dopo di che la vittima è caduta in stato di incoscienza.

Secondo l’accusa, Ramazan B., Mert N. ed Enoma E. hanno poi riportato la vedova nella zona di Osnabruck per ucciderla e coprire l’atto.

Secondo quanto riferito, è stata trasportata in una Mazda noleggiata da Ramazan B. ed Enoma E. nella città di Hasbergen, dove il duo ha continuato a torturarla.

Ursula U. alla fine è morta dopo che la sua gola era stata tagliata con una bottiglia rotta, secondo i media locali.

Dopo l’omicidio, i rapporti dicono che i responsabili hanno saccheggiato i due conti bancari di Ursula con le carte rubate e il codice PIN che la vittima ha rivelato sotto tortura.

Tuttavia, sono stati in grado di prelevare solo 3.000 EUR (2.693 GBP) dai suoi conti.

Due membri della banda sono stati ripresi da telecamere CCTV mentre prelevavano i soldi da un bancomat, cosa che alla fine ha portato all’arresto di tutti e quattro i sospettati.

Nel primo giorno di prova, Ramazan B. rimase in silenzio mentre Enoma E. rilasciava una dichiarazione che coinvolgeva gli altri membri della banda.

Affermò di non essere coinvolto nella presunta violenza e morte della donna, e fu addirittura completamente ignaro della trama del rapimento fino al momento in cui Ursula U. fu portata nell’appartamento.

Il nigeriano ha aggiunto: “Mi vergogno e mi scuso”.

Il processo è in corso.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.