Investe e uccide 19enne sulle strisce pedonali: per lui solo una multa

Un dentista assassino che ha falciato questa graziosa 19enne su un passaggio pedonale non andrà in prigione nonostante una serie di precedenti reati stradali e la guida senza patente.

Elida Osmani, 19 anni, è morta quando è stata investita da una Volvo in argento su un passaggio pedonale nel novembre 2017 a Lenzburg, una città nel cantone svizzero di Argovia.

L’adolescente è stata gravemente ferita nell’incidente ed è morto per un trauma cranico subito dopo essere stata ricoverata in ospedale.

Tuttavia, l’autista, un dentista di 82 anni il cui nome non è stato condiviso per motivi di privacy, è sfuggito alla condanna in carcere.

Il tribunale distrettuale di Lenzburg ha riconosciuto l’anziano colpevole di omicidio colposo, ma gli ha inflitto solo una multa di 10.000- CHF (7.780-GBP) e un’ulteriore multa sospesa di 60.000-CHF (46,680 GBP), che sarà pienamente sospesa se il dentista si comporterà bene durante la sua prova.

L’anziano ha precedenti penali in quanto è stato precedentemente condannato per reati multipli.

Secondo i media locali, al momento dell’incidente non aveva una patente di guida valida in quanto era stato sospeso mesi prima per reati di traffico precedenti.

Aveva 0,02 grammi di alcol per 100 millilitri di sangue, sotto il limite legale in Svizzera e i pubblici ministeri sostengono che stava guidando troppo velocemente quando ha colpito Elida, i cui parenti sono rimasti scioccati dalla sentenza.

Il loro avvocato Eric Stern ha dichiarato: “Questa punizione non è in alcun modo proporzionale a quello che è successo”.

I pubblici ministeri hanno sostenuto in tribunale che il dentista OAP dovrebbe essere rinchiuso per 15 mesi per il reato che può essere punito in Svizzera con un massimo di tre anni di carcere o una multa.

I pubblici ministeri hanno parlato di “fuga cieca” e incoscienza nelle azioni del dentista, che secondo Stern indicava anche l’intenzione.

Il dentista ha rilasciato una dichiarazione dopo l’incidente, dicendo che “era buio e pioveva”, e sostenendo che “non ha visto la donna, ho rallentato solo quando ho potuto”.

Il tribunale si è schierato con la dichiarazione del dentista secondo Stern, che ha affermato che sono stati commessi gravi errori nelle indagini sull’incidente.

Ha detto: “Solo quattro persone sono state interrogate dai cosiddetti informatori dalla polizia. Non sono state effettuate interviste ai testimoni. “

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.