Ragazzino lo denuncia per abusi, pedofilo entra in classe e lo spara davanti ai compagni

Questo presunto pedofilo è stato arrestato per aver fatto irruzione nell’aula di una sua vittima di quindici anni e averle sparato a morte dopo che l’adolescente l’aveva denunciato come molestatore sessuale.

La polizia dice che Renan Valderama ha ucciso l’alunno Mark Anthony Miranda nella sua classe nella città di Calamba, nella provincia di Laguna nelle Filippine.

Presumibilmente Valderama è riuscito a fuggire e ha deriso la polizia sui social media scrivendo che non l’avrebbero mai catturato dopo le riprese al Castor Alviar National High School di Calamba.

Ma è stato in seguito arrestato dopo che i residenti locali lo hanno visto camminare in un villaggio vicino e hanno avvisato i poliziotti.

Mark morì dopo che Valderama, che ha circa 30 anni, entrò nella sua classe e gli sparò di fronte ai suoi compagni terrorizzati.

Testimoni oculari hanno detto che si sarebbe introdotto nella scuola mescolandosi con i lavoratori edili che stavano svolgendo lavori di costruzione nella scuola.

Le riprese della CCTV mostrano bambini spaventati che scappano da un’aula, seguiti da Valderama che viene visto correre fuori dalla scuola con una pistola nella mano destra.

La polizia dice che Valderama si era preso cura del ragazzo, senza alcun incarico ufficiale, dopo che sua madre era stata incarcerata per reati di droga.

Avevano vissuto insieme ma il ragazzo era scappato prima di sporgere denuncia ai poliziotti, sostenendo che Valderama aveva approfittato della situazione per abusarne sessualmente.

I parenti del ragazzo hanno detto alla polizia che i due avevano avuto una relazione ma il giovane ha detto alla polizia che l’uomo più anziano lo aveva ripetutamente violentato tra marzo e giugno di quest’anno.

Il Dipartimento per l’educazione filippino afferma che gli alunni e il personale della scuola saranno sottoposti a consulenza. La polizia ha anche visitato la scuola per rassicurare i bambini sulla loro sicurezza.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.