Sa che è uno stupratore, ma lo accoglie lo stesso in casa: finisce malissimo

Questo richiedente asilo albino del Pakistan è in tribunale dopo essere stato accusato di tentato omicidio per aver pugnalato la sua compagna dieci volte in un impeto di rabbia.

Naveed A, 28 anni, che soffre di albinismo è in tribunale a Gorlitz, una città nello stato federale tedesco della Sassonia per aver attaccato la sua ragazza Karin C., 54 anni, pugnalandola dieci volte nel gennaio di quest’anno e secondo quanto riferito ha ammesso la sua colpevolezza in tribunale.

Rapporti di stato dicono che Karin C. è sopravvissuta solo perché un vicino era nelle vicinanze della sua proprietà a Waldhufen, un comune nel distretto di Gorlitz e ha sentito le sue grida di aiuto.

È stata portata all’ospedale dove è stata sottoposta a un intervento chirurgico di emergenza e Naveed A., secondo quanto riferito, è fuggito dalla scena ma è stato catturato poco dopo e arrestato dalla polizia.

Karin C., che è in pensione, ha dichiarato: “È un alcolizzato. L’ho buttato fuori. La sera è tornato e ho cercato di togliergli la chiave del mio appartamento, ma lui mi ha aggredito”.

La coppia si incontrò per la prima volta quando faceva compere e la donna ha raccontato che le cose al’inizio andavano bene.

“Subito dopo che ci siamo incontrati, ho dovuto fare un’operazione al ginocchio: ha risolto le mie faccende domestiche, portato le mie borse della spesa. Abbiamo condiviso la nostra casa e il nostro letto”.

La vittima Karin C. ha detto ai media locali dopo l’aggressione che non si aspettava che il suo toy boy reagisse così violentemente.

Anche se ha detto: “Sapevo che aveva già scontato due anni di prigione dopo essere stato accusato di stupro da una donna, ma mi ha sempre trattato con amore”.

Naveed A. avrebbe ammesso la colpevolezza attraverso il suo avvocato in lacrime in tribunale.

Le indagini sono in corso.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.