Giovane padre spinge carrozzina della figlia di due mesi: all’improvviso la tragedia

Questo è il momento scioccante in cui un giovane padre che spinge la carrozzina di un bambino viene ucciso in mezzo alla strada presumibilmente dallo zio di sua moglie appena entrata in un negozio.

L’incidente è stato filmato da una telecamera CCTV nel distretto di Corlu, nella provincia turca nord-occidentale di Tekirdag, quando la vittima, 19 anni, Alperen Kahraman, era fuori a fare acquisti con la moglie Melisa Kahraman, 19 anni, e la piccola figlia di due mesi.

Come si vede nel filmato, quando la moglie entra in un negozio, un uomo armato appare e secondo quanto riferito spara a Kahraman più volte alla testa e all’addome.

La vittima è morta sulla scena del crimine di fronte a sua figlia.

I rapporti hanno detto che i proiettili di rimbalzo hanno anche colpito due passanti alle gambe. Fortunatamente la bambina di due mesi non è stata coinvolta nella sparatoria.

Immediatamente arrivarono i servizi di emergenza e portarono i due passanti feriti all’ospedale statale Corlu. Nel frattempo, il corpo di Kahraman è stato portato nell’obitorio dello stesso ospedale per sottoporsi all’autopsia, secondo i media locali.

Il sospettato, che è lo zio della moglie, Durmus S., è fuggito dalla scena ma è stato rapidamente arrestato dalla polizia.

I rapporti dicono che fino ad ora si è rifiutato di rilasciare una dichiarazione alla polizia senza il suo avvocato.

La famiglia di Melisa Kahraman, precedentemente Sepetci, in precedenza ha affermato che la vittima aveva rapito la donna di 19 anni nel febbraio 2019.

Recentemente erano apparsi in un reality show che trattava di problemi familiari in cui Melisa rivelava che non era stata rapita e che aveva invece sposato volentieri Alperen Kahraman. Ma evidentmente in famiglia qualcuno la pensava diversamente.

L’inchiesta continua.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.