La moglie lo lascia solo con il bambino, la vendetta è terribile

Questo papà è stato accusato di aver ucciso suo figlio di quattro anni gettandolo da un viadotto poiché, secondo quanto riferito, non avrebbe potuto occuparsi del ragazzo dopo che la madre lo aveva lasciato.

L’incidente è avvenuto nella città di Gabrovo, nella provincia dello stesso nome, nel centro-nord della Bulgaria, dove il sospetto di 31 anni Dilyan Betev è stato accusato di aver gettato suo figlio Dariel da un viadotto.

I media locali riportano che Betev ha buttato via suo figlio dal viadotto e poi ha chiamato la polizia dicendo loro quello che aveva fatto, aggiungendo che si sarebbe suicidato saltando giù dal suo stesso viadotto.

Quando arrivò la polizia, uno psicologo riuscì a convincere Dilyan a non saltare e fu arrestato.

Il corpo del ragazzo che secondo come riferito è morto sul colpo è stato trovato nell’acqua del fiume Yantra sotto il viadotto.

Si dice che il sospetto abbia detto alla polizia che la madre del ragazzo lo aveva abbandonato due giorni prima e che aveva difficoltà a trattare con il bambino.

La coppia non era sposata, ma apparentemente aveva vissuto insieme per otto anni. Madre Polya Hristova, 29 anni, ha detto che lasciava spesso la casa perché il sospetto era solito picchiarla brutalmente.

Ha detto che non poteva denunciare il sospettato poiché temeva che l’avrebbe uccisa, aggiungendo che ora si accusa di non aver denunciato la violenza in famiglia, dicendo ai giornalisti: “Mio figlio non c’è più, l’ha ucciso, lo ha buttato da un ponte, è un fatto.

“Sono semplicemente scappata da lui, perché non potevo sopportarlo. Mi sento in colpa per non aver preso la cosa più preziosa – il bambino. ”

I rapporti affermano che il sospettato ha precedenti penali per traffico di stupefacenti e rapine.

È stato accusato di omicidio e resterà in detenzione.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.