Magia nera per far prostituire ragazze e trans: scoperto traffico di esseri umani

Un’organizzazione composta da trafficanti di esseri umani avrebbe costretto le donne a lavorare come prostitute nell’isola turistica di Maiorca minacciando l’uso di magia nera per spaventare le sue vittime.

La notizia arriva dopo che 22 arresti sono stati fatti in due ondate come parte dell ‘”Operazione Sileno” che si è svolta nella città turistica di Palma di Maiorca nella regione orientale spagnola delle Isole Baleari.

Secondo i rapporti, i sospettati hanno un’età compresa tra 21 e 51 anni e provengono da diversi paesi, tra cui Spagna, Portogallo, Italia, Bulgaria, Brasile e Colombia.


Due membri della banda sono stati accusati di traffico di droga mentre altri quattro sono accusati di tratta di esseri umani e vari reati legati allo sfruttamento sessuale e alle violazioni dei diritti umani.

Altri sei, che secondo come riferito hanno lavorato nei club e nei bordelli della città, sono stati arrestati per non avere i documenti corretti per vivere e lavorare in Spagna, secondo i media locali.

L’indagine è iniziata nel novembre 2018 quando due residenti hanno chiamato la polizia dopo aver sospettato che un appartamento fosse utilizzato per prostituzione e altre attività illegali.

Si ritiene che le donne costrette a lavorare lì, comprese le donne trans, fossero in debito con l’organizzazione per somme tra 7.000 e 14.000 EUR (6.270 e 12.542 GBP).

Dieci vittime sono state trovate nella proprietà e presumibilmente sono state costrette a lavorare lì per 20 ore al giorno, sei giorni alla settimana.

Secondo i rapporti, i capi delle bande hanno portato molte delle vittime in Europa dal Brasile con false promesse e poi costringendole a compensare il debito accumulato attraverso la prostituzione.

Secondo quanto riferito, i capi della banda hanno approfittato di alcune vittime minacciandole con pratiche di magia nera conosciute in Brasile.

La polizia ha fatto irruzione in altre due proprietà appartenenti ai sospettati e sequestrato 50.000 EUR (44.810 GBP), documenti e oltre 200 piante di cannabis in un unico luogo, secondo i media locali.

Durante una seconda fase dell’operazione, gli investigatori hanno scoperto che il gruppo stava usando un avvocato per organizzare matrimoni tra le vittime e i cittadini dell’UE ad un prezzo di 5.000 EUR (4.480 GBP).

Dieci persone sono state arrestate nella seconda fase dell’indagine, compreso l’avvocato.

In totale, 12 sospetti sono stati arrestati nella prima fase mentre 10 sono stati arrestati durante il secondo.

L’inchiesta continua.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.