Beve birra ogni giorno per 10 anni: nelle sue ginocchia fanno una scoperta incredibile

Queste immagini mostrano i liquidi lattiginosi trovati e rimossi dalle ginocchia doloranti di un uomo di 29 anni che ha bevuto birra ogni giorno per un decennio.

Le bizzarre scene si sono verificate dopo che il paziente, identificato nei rapporti dal suo cognome Wu, si è recato all’ospedale Zhongshan No 6 nella città di Guangzhou, nella provincia del Guangdong meridionale, lamentandosi di soffrire di dolori articolari per due settimane.

Il dottor Huang Jianlian ha chiesto maggiori dettagli e dopo aver controllato le articolazioni di Wu ha scoperto che le ginocchia del paziente erano gonfie e rosse.

Decise di drenare le ginocchia di Wu per controllare il liquido articolare che si rivelò bianco e latteo.

Jianliang ha dichiarato: “L’alta concentrazione di acido urico nel liquido articolare si traduce in un colore bianco lattiginoso. Normalmente le nostre ginocchia hanno 3-5 millilitri di liquido articolare, che dovrebbe essere chiaro, di colore giallo chiaro e un po’ denso. Il liquido articolare del paziente era speciale perché era lattiginoso e poco chiaro. Ama bere birra e l’ha bevuto ogni giorno per 10 anni. Il suo fluido articolare è diventato lattiginoso a causa degli alti livelli di acido urico nel suo corpo. ”

Un alto livello di acido urico è noto come iperuricemia e può portare alla gotta che causa articolazioni dolorose.

Secondo quanto riferito, Wu ha bevuto due o tre bottiglie di birra al giorno, e al massimo 10 bottiglie al giorno, per 10 anni. La quantità di acido urico nel suo sangue stava crescendo e aveva sviluppato una grave gotta.

Huang usò un litro di normale soluzione salina per lavare le ginocchia di Wu e pulire il liquido articolare.

Secondo quanto riferito, il dolore di Wu è stato notevolmente ridotto immediatamente e lui è rimasto in ospedale per tre giorni.

Le sue ginocchia si sono ristabilite ma ha ancora bisogno di seguire gli ordini del dottore per smettere di bere birra se i dolori tornano.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.