Smembrò il marito e lo diede in pasto ai suoi cani ancora vivo: condannata a 14 anni

La donna russa sotto processo per aver smembrato suo marito spagnolo e aver dato da mangiare ai suoi cani parti del suo corpo mentre era ancora vivo è stata riconosciuto colpevole di omicidio.

Secondo i media locali, Svetlana Batukova, 49 anni, originaria della Russia, ha ucciso il marito Horst Hans Henkels, 70 anni, a Cala Millor, nella regione orientale spagnola delle Isole Baleari nel 2016.

La giuria ha stabilito che è colpevole di omicidio e i pubblici ministeri chiedono una pena detentiva di 14 anni.

Nel frattempo, la squadra di difesa ha chiesto all’Alta Corte di Giustizia delle Isole Baleari il carcere per un periodo di 10 anni e il giudice condannerà l’imputato nei prossimi giorni.

La giuria stabilì che Batukova avrebbe tagliato le braccia del marito, ma non era convinta che lei lo avesse sedato in anticipo o che tagliò strisce di carne per nutrire i suoi cani.

Tuttavia, hanno appurato che gli animali hanno mangiato parti della vittima spontaneamente dopo che era già morto.

Pertanto, il crimine è stato considerato un omicidio, che è punibile con tra 10 e 15 anni di carcere, secondo quanto riferito.

L’avvocato difensore Bartolome Salas sta chiedendo la pena minima, mentre i pubblici ministeri ora vogliono una pena detentiva di 14 anni dopo aver inizialmente richiesto 25 anni.

Hanno accusato Batukova di aver sedato il marito, tagliando parti della sua carne per darle ai cani prima di incoraggiarli a nutrirsi del suo corpo.

Batukova ha sempre sostenuto che i cani si attaccarono spontaneamente al braccio del marito quando era ancora vivo e finirono per spolpare gran parte della carne che causò l’emorragia che alla fine lo uccise.

Il processo è iniziato il 10 giugno e si è svolto in sette udienze con l’imputato che ha confermato la sua innocenza per tutto, secondo i media locali.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.