Immigrati clandestini si fingono terroristi Isis per non essere espulsi

/

Richiedenti asilo fingono di essere ex terroristi dell’ISIS in un tentativo disperato di rimanere in Europa, in quanto i funzionari non li deporteranno se saranno condannati a pagare la pena capitale a casa.

Il presunto stratagemma è stato scoperto dal settimanale tedesco “Focus” dopo aver parlato con membri del governo.

Secondo la rivista, gli uffici del pubblico ministero in tutta la Germania hanno avviato centinaia di indagini preliminari dal 2018 dopo che i rifugiati sono stati accusati di gravi atti di violenza nella loro patria o hanno affermato di essere membri di organizzazioni terroristiche come il cosiddetto Stato islamico (IS).

Numerosi addetti alle autorità giudiziarie tedesche hanno affermato che alcuni rifugiati ora inventano anche storie di coinvolgimento con gruppi terroristici e di aver commesso crimini, perché i rifugiati credono che così avranno la garanzia di poter rimanere in Germania senza essere deportati.

/

Un rifugiato ha ammesso di aver inventato di far parte di un gruppo di terroristi violenti: “L’ho appena detto perché ho sentito che potresti ottenere asilo in questo modo”.

Secondo Focus, questi rifugiati sostengono che se dovessero essere rimpatriati nei loro paesi nativi, sarebbero sottoposti a tortura o morte.

Le autorità tedesche sono quindi spesso costrette a tollerare o addirittura a concedere asilo pieno a tali rifugiati per garantire loro i diritti umani, in quanto il paese non deporta le persone in un paese in cui potrebbero essere condannati alla pena di morte o che hanno violato i loro diritti umani fondamentali.

L’ufficio del procuratore di Celle, che è responsabile di tutte le indagini terroristiche nello stato tedesco della Bassa Sassonia, ha riferito di aver ricevuto un totale di 560 casi di autoincriminazione da parte dei rifugiati dall’inizio del 2018.

L’ufficio del pubblico ministero di Francoforte ha registrato oltre 170 casi simili dal 2018, mentre l’ufficio di Dusseldorf ne ha registrati 80.

Le cifre nazionali relative al numero di rifugiati che si auto-incriminano non possono essere determinate dal fatto che molti uffici del pubblico ministero in tutto il paese non mantengono tali statistiche.

Secondo molti investigatori, la maggior parte dei richiedenti asilo che si accusano provengono dall’Afghanistan, dalla Siria, dall’Iraq, dal Pakistan, dalla Somalia, dal Sudan, dalla Turchia, dalla Nigeria e dalla Liberia e sostengono di essere stati membri o sostenitori di organizzazioni terroristiche come IS, i Talebani, Boko Haram, al-Nusra, al-Shabab o il PKK.

Bernd Kolkmeier della Procura della Celle ha dichiarato: “Non succede quasi mai che qualcuno ci presenti documenti come giudizi o incriminazioni dal loro paese d’origine.

“Tuttavia, c’è una ragione per mettere in discussione criticamente la verità delle descrizioni di coloro che sono coinvolti.”

Kolkmeier ha detto che in un caso un richiedente asilo ha persino ammesso che fingere di essere un terrorista è la tattica migliore per rimanere in Germania.

Ha detto: “La persona in questione aveva ammesso nelle indagini preliminari di aver inventato la sua storia su consiglio dei trafficanti di esseri umani al fine di influenzare la procedura di asilo a vantaggio dei rifugiati”.

Il portavoce Daniel Vollmert dell’ufficio del pubblico ministero di Dusseldorf ha affermato che a volte le storie dei richiedenti asilo sono “così poco plausibili che fin dall’inizio sono messe in dubbio e si presume l’autoincriminazione”.

Ha detto che in alcuni casi gli interessati hanno in seguito ritirato le loro dichiarazioni precedenti e hanno affermato di aver fatto solo dichiarazioni “perché ho sentito che potresti ottenere asilo in questo modo”.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.