Salvini: “Ecco chi manderei subito in galera”

Il vice presidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini, durante la presentazione del piano "Sport & Periferie" presso la sala dei Galeoni di Palazzo Chigi a Roma, 20 giugno 2019. ANSA/CLAUDIO PERI

In galera chi fa uscire le intercettazioni sulla “vita privata” dalle procure e “chi le pubblica sui giornali“. Lo ha detto Matteo Salvini. Il vicepremier leghista ha espresso il concetto chiedendo ancheo “una seria e definitiva riforma della magistratura” a margine del Festival del Lavoro a Milano.

Se nella pubblicazione “ci sono aspetti che riguardano la vita privata che escono dalla Procura e finiscono in edicola, dovrebbe finire in galera sia chi le fa uscire dalla Procura sia chi le pubblica sui giornali“. “Non è civile che i giornali siano pieni di pezzi di intercettazioni senza nessuna rilevanza penale. E’ una cosa da quarto mondo. Se ci sono cose che riguardano processi e reati è giusto che li si legga”, ha proseguito il vicepremier.

“Serve una seria e definitiva riforma della magistratura. Non ci devono essere poteri che, anche se indipendenti, se sbagliano non pagano”, ha detto il vicepremier. Una riforma “a prescindere da quanto avvenuto al Csm”, ha precisato, riferendosi alle intercettazioni in cui l’ex ministro dello Sport Luca Lotti parla della nomina del nuovo procuratore di Roma. “Lotti è politicamente lontanissimo da me – ha detto il capo del Viminale – ma con una magistratura divisa per correnti che decide nomine e posti fino a ieri come decidevano?”.

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede: “Magistratura e politica devono essere separati. Un magistrato che entra in politica deve abbandonare la magistratura”. “Le intercettazioni rimangono uno strumento fondamentale per le indagini e hanno reso possibile la conoscenza di scandali. Io non posso portare indietro le lancette della storia. In passato il tema della privacy è stato usato dalla politica per tutelare se stessa“, ha specificato il ministro.

“Possiamo migliorare gli strumenti – aveva spiegato – ma non arretriamo di un millimetro sulla possibilità di utilizzare i trojan e sulle intercettazioni. Dobbiamo agire sulla fuga di notizie, senz’altro. Pensi a terzi che vengono citati in intercettazioni da parte di indagati, pensi a fatti di vita privata, dobbiamo tutelare questi casi”. La Cassazione, che “dice che le intercettazioni possono essere pubblicate nel diritto di cronaca e di informazione in caso di notizie con preminente interesse pubblico. Ma mi sembra che in alcuni casi, ad esempio quando vengono citate persone terze che non hanno a che fare con le persone coinvolte, il limite sia stato oltrepassato”.

Salvini: “servono tempi certi per sentenze, per indagini preliminari, non processi a vita: io ti do un anno, se trovi elementi mi mandi a processo, altrimenti sono libero”. “Non ci possono essere italiani sotto processo a vita. Sarà una delle mie ultime interviste a piede libero…”, ha aggiunto, ironico. E ancora “se fai il magistrato e poi fai la politica, allora ti dimetti definitivamente dalla magistratura, non fai più il magistrato”, ha concluso.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.