Bidello sordo entra in classe, la sorpresa dei bambini lo fa commuovere alle lacrime

Spesso si parla male della scuola: pochi fondi, episodi di bullismo, insegnanti non all’altezza o precari. Ma ci sono anche storie edificanti, come questa in cui i bambini danno una grandissima lezione di accoglienza e inclusione a un bidello.

Lo sguardo del custode quando i piccoli studenti gli fanno questa sorpresa è davvero commovente.

Il sorriso sul volto di questo bidello è più eloquente di mille parole, e dimostra l’immensa gratitudine nei confronti dei bambini. Il bidello, di nome James Anthony, è sordo ed è amato dagli studenti che lo chiamano “Mr. James”. Il preside della scuola ha raccontato che oltre a svolgere benissimo le sue mansioni ordinarie, insegna ai bambini anche le buone maniere, come trattare le persone ed anche la lingua dei segni. Potete facilmente trovare il video su YouTube.

Per festeggiare il suo sessantesimo compleanno, ma soprattutto per dirgli grazie e dimostrare tutto il loro affetto, i piccoli alunni hanno pensato di fargli un regalo speciale: hanno imparato a cantare la canzone “Happy Birthday” con la lingua dei segni. Il custode non se l’aspettava e si è commosso così tanto che la sua reazione è diventata virale.

Mr. James lavora come custode a Tullahoma, nel Tennesse nella scuola Hickerson Elementary School. Il giorno del suo compleanno è stato chiamato con una scusa in classe. Credeva ci fosse bisogno del suo aiuto come capita spesso, per una lavagna o magari per qualche banco. E invece quando è entrato in aula ha trovato due classi di bambini che gli hanno intonato la canzone “Happy Birthday” con il linguaggio dei segni mentre venivano guidati nell’esecuzione da due insegnanti: Allyssa Hartsfield e Amy Hershman.

La sua reazione ha commosso tutti e sta facendo il giro del web, James lavora in questa scuola da 15 anni e fa il bidello da 30. Una delle insegnanti che ha aiutato i bambini a realizzare questo regalo speciale, ha dichiarato: “James è fantastico e mi dice sempre quanto lo faccio sorridere, ma oggi è stato lui a mettere un sorriso sui volti in tutto il mondo”.

Una lezione che i bambini non scorderanno, e che non scorderà soprattutto questo lavoratore che ha capito quanto di positivo aveva lasciato nel cuore dei suoi alunni con il suo lavoro quotidiano.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.