Diplomati magistrale: concorso infanzia e primaria a maggio, secondaria entro l’estate

Diplomati magistrale: concorso infanzia e primaria a maggio, secondaria entro l'estate

Sono ancora tempi duri per la vessata categoria dei diplomati magistrali. La loro speranza di accedere al concorso straordinario indetto con DDG n. 1456 del 7 novembre 2018 con servizio prestato nelle scuole paritarie è stata vana, dal momento che i ricorsi sono stati respinti.

E allora per i diplomati magistrale adesso non resta che la Cassazione, con un occhio alla data del 7 maggio 2019.

Concorso della scuola secondaria bandito solo per docenti abilitati

Questa sfortunata categoria attende di sapere cosa ne pensa la Corte Costituzionale della procedura costituita dal concorso della scuola secondaria bandito solo per docenti abilitati con DDG del 1° febbraio 2018.







Sono molti i docenti che si sono visti chiudere in faccia le porte del bando e che hanno deciso di dire “non ci sto” presentando molti ricorsi.

Ora la parola passa alla Corte Costituzionale

E non sono pochi coloro i quali hanno visto accogliere le proprie ragioni, in via cautelare, dal Consiglio di Stato. Ora però la parola passa alla Corte Costituzionale, che dovrà esprimersi su una materia tutt’altro che semplice.

Chi è rimasto deluso dall’esito del ricorso sono i diplomati magistrale che speravano di poter partecipare al concorso straordinario indetto con DDG n. 1456 del 9 novembre 2018.

Concorso infanzia e primaria a maggio

In futuro per abilitati, laureati, docenti con servizio, ci sarà un concorso ordinario a cattedra. Il prossimo appuntamento dovrebbe essere per il concorso infanzia e primaria a maggio. Se tutto va bene, il secondo arriverebbe per la secondaria entro l’estate.

Estate che dovrebbe aver portato con se anche una risposta per i diplomati magistrale dalla Cassazione e dalla Corte Costituzionale.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.