Nuova Carta di identità elettronica, servirà anche su NoiPA

NoiPA, ad aprile stipendio più basso per addizionali regionali e comunali

Scopriamo come funziona la nuova Carta di identità elettronica con cui richiedere lo Spid (sistema pubblico di identità digitale), e usare i servizi di NoiPA.







La Carta di identità elettronica è un vero e proprio documento di identità, che in futuro invece sarà rilasciato su un supporto in policarbonato simile alla tessera del codice fiscale. Sarà possibile richiederlo – entro la fine del 2018 – in tutti i Comuni italiani attraverso la nuova procedura online.

La nuova Carta di identità elettronica servirà anche a richiedere una identità digitale sul sistema SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) e consentirà, insieme alla CIE, l’accesso ai servizi erogati dalle PP.AA., compreso NoiPA.

Nella nuova carta di identità la foto è in bianco e nero e non più a colori e compare anche come ologramma. La foto (dato biometrico primario) si scansiona da una foto tessera o si ottiene mediante il download da un supporto (ES. chiavetta USB);
Il Codice Fiscale compare anche nella versione di codice a barre (come per le tessere sanitarie);
È possibile riportare il comune estero di nascita;
È possibile riportare le generalità dei genitori per i minori di 15 anni;
Si acquisiscono obbligatoriamente (tranne casi particolari) le impronte del dito indice di entrambe le mani (dati biometrici secondari);
L’attuale CIE non cambia la dimensione rispetto alle versioni precedenti, continua ad avere la stessa grandezza di una carta di credito ed è realizzata in policarbonato.
Quali Comuni emettono la CIE?

La nuova carta di identità è già disponibile presso diversi comuni italiani ed entro la fine del 2018 è previsto il completamento delle attività di installazione delle postazioni di lavoro ed emissione presso tutti i municipi del nostro Paese.

Il costo della Carta è di euro 16,79 (oltre i diritti fissi e di segreteria, ove previsti) e comprende anche le spese di spedizione al cittadino presso il comune o il domicilio da lui indicato.

Avrà durata di

3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
10 anni per i maggiorenni

Il rinnovo può essere richiesto a partire dal 18esimo giorno precedente la scadenza e gli interessati sono invitati ad avanzare da quel momento la richiesta di rinnovo.

La consegna del documento avviene entro il termine massimo di 6 giorni lavorativi dalla richiesta di emissione e può essere effettuata al proprio domicilio, con un servizio gratuito di Poste Italiane, oppure presso il Comune in cui è stata richiesta l’emissione. È possibile, inoltre, effettuare la richiesta tramite un delegato.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.