Bonus Lavoro Laureati: come funziona e a chi è rivolto

Gazzetta ufficiale concorsi: assunzioni nel 2019 in polizia, carabinieri, gdf e vigili del fuoco

Ci sono nuove agevolazioni alle imprese per favorire le assunzioni di giovani.

Sono contenute nella bozza del disegno di legge di bilancio per il 2019 che prevede un nuovo incentivo a favore dei datori di lavoro che assumono laureati under 30.

E’ il nuovo bonus lavoro laureati, strumento a sostegno dell’occupazione giovanile, inserito nella bozza della nuova manovra fiscale elaborata dal Governo. Consiste in una sgravio fiscale a favore dei datori di lavoro che assumono giovani che hanno conseguito una laurea o un dottorato di ricerca.







Il bonus varrà solo per gli inserimenti effettuati mediante contratto a tempo indeterminato, anche part time. Per essere assunti, i laureati non dovranno aver compiuto 30 anni. Scopo dell’agevolazione è quello di incentivare l’inserimento lavorativo delle eccellenze e dei talenti italiani.

Prima di entrare in vigore, serve che la legge di bilancio 2019, al vaglio del Parlamento, venga approvata. Se manterrà questa misura al suo interno, con le caratteristiche previste dalla citata bozza, potranno beneficiare dell’incentivo alle assunzioni i datori di lavoro privati che assumeranno laureati o di dottori di ricerca tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2019.

L’esonero entrerà in vigore solo per assumere giovani che abbiano conseguito una laurea magistrale, entro la durata legale del corso di studi, tra il 1° gennaio 2018 e il 30 giugno 2019, riportando la votazione di 110 / 110 con lode, o un dottorato di ricerca, entro lo stesso periodo, purchè entro i 29 anni di età (prima del compimento del trentaquattresimo anno).

Quali titoli di studio varranno? Quelli conseguiti presso università statali e non statali legalmente riconosciute, italiane o estere se riconosciute equipollenti. Sono escluse le università telematiche. Le assunzioni dovranno essere effettuate con contratto subordinato a tempo indeterminato, anche con orario part time.

Grazie al bonus lavoro laureati si potrà beneficiare di un esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro fino ad un massimo di 8mila euro per ciascun laureato assunto, per un periodo non superiore ad un anno (12 mesi).

Invece per i contratti di lavoro con orario part time si avrà una riduzione proporzionale del limite massimo dell’agevolazione. L’incentivo sarà applicabile anche in caso di trasformazione a tempo indeterminato di un contratto a tempo determinato, sempre a patto che venga effettuata tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2019.

ticonsiglio.it

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.