Concorsi statali: nuove regole e concorso unico in arrivo

Concorso infanzia e primaria: esclusi docenti con due anni di servizio prima degli ultimi otto ann

Chi ambisce a trovare lavoro mediante i concorsi statali deve anche prepararsi a sostanziosi cambiamenti in merito. Ci sono nuove regole e l’arrivo di un concorso unico, che deriva dalle ultime decisioni del ministro della semplificazione e della Pubblica Amministrazione uscente, Marianna Madia.

E si tratta di novità sostanziali, che possono cambiare in maniera importante le direttive conosciute finora. Lo scopo è reclutare i candidati migliori attraversi l’inclusione di requisiti più importanti, maggiori titoli posseduti, qualificazioni formative, conoscenza delle lingue straniere, certificata a livello internazionale. E i giovani, non sempre già pronti ad avere tutti questi requisito? Per loro, un occhio di riguardo.







La novità è che la selezione dei candidati avverrà in forma “centralizzata o aggregata” obbligatoria per la PA centrale; per le piccole amministrazioni ci saranno comunque possibilità di manovra ridotte. Insomma potranno svicolare dalla obbligatorietà del concorsone unico, ma solo in parte.

I nuovi concorsi statali saranno organizzati dal Dipartimento della Funzione Pubblica. I bandi saranno diffusi solo dopo un attento monitoraggio da parte della Commissione Ripam.

Nasce in questo contesto il Portale del Reclutamento, nuovo sistema informatico che diventerà il punto di riferimento per le pubbliche amministrazioni e cittadini. Un vero e proprio database indispensabile a gestire tutte le fasi del concorso, dove gli interessati potranno trovare le principali notizie e le informazioni utili a riguardo. Una sorta di Istanze On line dove i candidati potranno presentare la domanda di partecipazione al concorso unico, pagare le tasse di iscrizione e consultare le graduatorie finali per scoprire se hanno superato il concorso.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.