Modello d2 Ata 2017: 3 errori comuni da non commettere per non invalidare la domanda

Aggiornamento graduatorie Ata 2017/20: come compilare il modello D2

Chi cerca occupazione tramite l’opportunità offerta al personale ATA in queste settimane sta provvedendo a presentare la domanda di conferma o aggiornamento per il triennio 2017/2020. Nel nostro gruppo Facebook dedicato al Personale ATA registriamo molte domande su incertezze e dubbi legati appunto alla compilazione delle domande, in particolare per la compilazione del modello D2.

Il modello D2 di conferma o aggiornamento è da utilizzare nel caso in cui siate già inseriti nelle graduatorie di terza fascia 2014-2017 e dovete solo confermare l’iscrizione o aggiungere nuovi titoli e servizi. Una procedura fondamentalee e obbligatoria, dal momento che chi non conferma/aggiorna non sarà più incluso nelle graduatorie di istituto di terza fascia del personale ATA.

La domanda si presenta dal 30 settembre al 30 ottobre 2017 (non ci meraviglieremmo se ci fossero deroghe). Sono domande per l’inclusione la conferma e l’aggiornamento nelle graduatorie di Circolo e d’Istituto per l’attribuzione delle supplenze al personale amministrativo, tecnico e ausiliario.
Le nuove graduatorie sostituiscono integralmente quelle vigenti nel triennio precedente. Possono presentare domanda coloro che intendono inserirsi per la prima volta. Devono presentare la domanda anche coloro che erano già inseriti nelle precedenti graduatorie d’istituto per confermare l’iscrizione o eventualmente dichiarare nuovi titoli e servizi. Questo è un passaggio fondamentale da ricordare: chi non conferma/aggiorna non sarà più incluso nelle graduatorie.

La compilazione guidata per confermare l’iscrizione o per aggiornare titoli e servizi nelle graduatorie di III fascia valide per gli anni scolastici del triennio 2017/2018 – 2018/2019 – 2019/2020 passa necessariamente da questo file

Il modello compilato può essere spedito per raccomandata a/r o con posta certificata oppure consegnato a mano alla scuola indicata nel frontespizio della domanda. La domanda non è valida in uno dei seguenti casi:

• se si presenta (o spedisce per raccomandata a/r o con Posta elettronica certificata) la domanda oltre il termine di scadenza del 30 ottobre 2017.

• se la domanda è priva della firma (non serve l’autentica)

• se si è privi dei requisiti di ammissione.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.