Concorso per dirigenti scolastici, quanti saranno i posti banditi?

Concorso dirigenti scolastici: sì valutazione servizio paritaria, esclusi illegittimamente precari

Comincia a delinearsi il corso-concorso per dirigenti scolastici. Arrivano i dettagli sulla durata del corso e sulle forme di valutazione dei candidati ammessi. Ricordiamo che è stato pubblicato il Regolamento, non ancora il bando che darà il via alla procedura concorsuale.

Si sa già però che il corso-concorso si articola in tre fasi:

eventuale prova pre-selettiva;
concorso di ammissione al corso di formazione dirigenziale;
corso di formazione dirigenziale e tirocinio.

Ci si chiede però quanti saranno i posti banditi per il prossimo concorso per dirigenti scolastici.

Il regolamento spiega che i posti da mettere a concorso saranno i:

posti vacanti e disponibili, presso le scuole statali – inclusi i centri provinciali per l’istruzione degli adulti – alla data di indizione del concorso;
posti che si preveda si rendano vacanti e disponibili nel triennio successivo, in seguito ai pensionamenti.
Dai suddetti posti va detratto il numero di quelli necessari all’assunzione dei vincitori dei concorsi precedentemente banditi (art. 4, comma 4).

Ai posti vacanti e disponibili al momento dell’indizione del concorso più quelli che si prevedono tali nel triennio successivo, vanno detratti i posti da attribuire alle graduatorie e i posti per le procedure da assegnare ai candidati:

presenti nelle graduatorie del concorso del 2011 (vincitori e idonei);
vincitori o utilmente collocati nelle graduatorie o che abbiano superato positivamente tutte le fasi di procedure concorsuali, relative al concorso del 2011, poi annullate in sede giurisdizionale;
che hanno ottenuto una sentenza favorevole almeno nel primo grado di giudizio o non hanno avuto, alla data di entrata in vigore della legge 107 (ossia il 16/07/2015), nessuna sentenza definitiva (nemmeno in primo grado), nell’ambito del contenzioso avverso i concorsi del 2004 e del 2006 e contro la legge 3 dicembre n. 202/2010 (rinnovazione procedura concorsuale del 2004 in Sicilia);
idonei inclusi nelle graduatorie regionali del concorso del 2011, ai quali è riservato il 20% delle assunzioni, fermo restando l’accantonamento per i soggetti indicati nel comma 88.

Quindi il prossimo corso-concorso per dirigenti scolastici metterà in palio posti vacanti e disponibili al momento dell’indizione del concorso e quelli che si prevede si rendano tali nel triennio successivo, cui sottrarre i posti di cui abbiamo parlato sopra.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.