Tracce Maturità 2017: errore ortografico sul sito del Miur, critiche sui social

Gli esami di maturità 2017 sono arrivati. Domani è il grande giorno. Si parte con la prima prova scritta di italiano.

Ma alla vigilia degli esami di stato qualcosa ha colpito l’attenzione di studenti e docenti italiani.

Di che si tratta? Un errore ortografico apparso proprio sul sito ufficiale del Ministero dell’Istruzione: traccie al posto di tracce.







Non sono ovviamente mancate le critiche sui social. Ecco quindi come si è giustificato il Ministero dell’Istruzione in merito a questo “piccolo errore”.

Sul profilo ufficiale di facebook il Miur scrive:

“L’ortografia italiana è una sola ormai da tempo immemorabile e le sue regole sono chiare: le parole che finiscono in “-cia”, se precedute da consonante, al plurale, non vanno scritte con la “i”. Quindi: “TRACCIA” al plurale si scrive “TRACCE”, non c’è alcun dubbio.

Ieri qualcuno si è dimenticato di questa regola e ci dispiace molto. Abbiamo visto il refuso e siamo subito intervenuti per farlo correggere. È stato un errore di battitura, un errore materiale, che naturalmente non doveva esserci, tanto più su una pagina che riguarda gli Esami di Stato.

Il fornitore tecnico che gestisce l’inserimento dei contenuti sul sito del Ministero – responsabile dell’errore – ci ha fatto pervenire una lettera di scuse per l’episodio accaduto. Scuse che noi ci sentiamo di girare a tutte le studentesse e a tutti gli studenti che – lo sappiamo – conoscono molto bene l’ortografia italiana.





In tutta questa vicenda pensiamo ci sia almeno una nota positiva: abbiamo dissipato ogni dubbio su come si scriva il plurale di “traccia”.

P.S. Un grande in bocca al lupo a tutte le maturande e a tutti i maturandi che si confronteranno domani con LE TRACCE della maturità”.

Ci uniamo e facciamo un grosso in bocca al lupo ai maturandi italiani.

Domani seguiremo la diretta e vi forniremo aggiornamenti in tempo reale in merito alle tracce della prima prova scritta degli esami di maturità 2017.







Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.