Graduatorie ad esaurimento: tutto da rifare dopo esclusione docenti abilitati TFA e PAS

Graduatorie ad esaurimento: tutto da rifare dopo esclusione docenti abilitati TFA e PAS

Gli Uffici Scolastici stanno provvedendo al rifacimento delle Graduatorie ad esaurimento: operazioni necessarie in seguito alle sentenze del TAR Lazio che hanno disposto il depennamento dalle Graduatorie Provinciali ad Esaurimento dei docenti abilitati TFA e PAS che avevano fatto ricorso.







Una situazione che sembra essere un duro colpo per gli abilitati TFA e PAS che hanno provato a inserirsi nelle Graduatorie ad esaurimento. Ma filtra ottimismo per il futuro, dal momento che è una situazione oggetto dell’interesse della politica. La riapertura delle Graduatorie ad esaurimento degli abilitati, in particolar modo quando risultano esaurite per mancanza di aspiranti, potrebbe essere una realtà del futuro prossimo.

Ma stante la situazione attuale, gli Uffici Scolastici sono costretti a revocare gli atti conseguenti all’inserimento con riserva. Ciò comporta che viene ripristinata la posizione di questi docenti nella II fascia delle Graduatorie di istituto. Inoltre, si sta provvedendo alla revoca della supplenza disposta in base all’inserimento in GaE o nella I fascia di istituto.

Fa eccezione l’USR Lombardia dal momento che, secondo la circolare diramata ai Dirigenti Scolastici, si ritiene che

“Tale situazione imporrebbe la ricollocazione dei ricorrenti nelle Graduatorie di Istituto di II Fascia, con conseguente revoca del contratto di lavoro posto in essere. Come da indicazioni dell’Ufficio Scolastico Regionale, fornite con nota prot. 4112 del 27/02/2017, visto il prioritario interesse dei discenti alla continuità didattica, onde evitare di arrecare grave pregiudizio alla attività formativa in corso, considerato l’approssimarsi della conclusione dell’anno scolastico, si comunica alle SS.LL. che i contratti stipulati con i docenti inclusi negli elenchi graduati, ad integrazione delle Graduatorie Provinciali ad Esaurimento e pubblicati con D.D. del 18/10/2016, si intenderanno risolti al termine delle attività didattiche del corrente a.s.”.

Ciò significa che i docenti vedono modificata la loro posizione in graduatoria e ritornano nelle Graduatorie di istituto, ma non perdono la supplenza conferita fino al 30 giugno 2017.







Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.