Concorso scuola 2015: ultimo bando e tirocinio di 3 anni retribuito

miur



Se pensavate di poter partecipare al prossimo bando del concorso scuola, cambiate idea subito. A quanto pare infatti il Miur avrebbe affermato che questo concorso scuola 2015 sarà l’ultimo.

Cosa significa? Non ci saranno più un maxi concorso docenti dopo questo? A quanto pare l’intenzione del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è proprio quella di eliminare i futuri mega concorsoni.

Se ciò dovesse essere realmente confermato dal Miur, significherebbe che questo concorso scuola 2016 potrebbe essere l’ultimo.

Ma in questo caso come funzionerebbe? Per accedere alla professione bisognerebbe sostenere un regolare concorso aperto a tutti i laureati magistrali.

I vincitori di questi futuri concorsi non potrebbero direttamente accedere al posto ma dovrebbero prima effettuare un tirocinio formativo della durata di tre anni.





Tutti i docenti che svolgeranno questi tirocini formativi avranno un rimborso spese di 300 o 400 euro mensili.

Nel corso di tali tirocini formativi, i partecipanti svolgeranno mansioni di supporto o sostituzione del docente.

Ma quando verrà pubblicato il bando relativo al concorso scuola 2016? Il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini in una recente intervista ha dichiarato che la pubblicazione avverrà entro la fine di dicembre 2015.

Leggi le ultime comunicazioni per i dipendenti della pubblica amministrazione sul portale del Noipa.

Ma c’è chi a questo concorso non vuole partecipare. Stiamo parlando degli abilitati tfa e pas che infatti hanno deciso di unirsi e di diffidare il Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) insieme all’avvocato Solidoro.

Restiamo quindi in attesa della pubblicazione del bando relativo al concorso scuola 2015. Il concorso docenti ci sarà ma del bando ancora nessuna ombra. Così come non ci sono novità riguardanti il bando del tfa terzo ciclo.

In una recente intervista rilasciata dal premier Matteo Renzi durante la trasmissione “Porta a Porta”, il Presidente del Consiglio ha sottolineato i punti di forza del suo Governo e in particolare il buon lavoro fatto in ambito scolastico.

In merito a La Buona Scuola, il premier Matteo Renzi, ha dichiarato “Non mi hanno capito”. Tale affermazione era rivolta alle recenti proteste da parte del sindacato Cisl Scuola.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.